Una volta H. Böll ha proposto di sospendere per un certo tempo l’uso delle parola “Dio”: il termine era caduto in discredito per uso improprio, veniva utilizzato solo per riempircisi la bocca e caricato di significati fuorvianti.

La proposta potrebbe estendersi oggi al termine “spiritualità”: per alcuni parola quasi sporca, per altri contenitore di appartenenze variegate e a volte confuse. Alla new-age selvaggia e all’esoterismo da supermercato si intrecciano qui da noi anche le antiche diatribe tra i  Pepponi e i Don Camilli. Una situazione piuttosto intricata. Eppure: noi vogliamo provare a parlarne!

Martedì 13 ottobre, alle 18 alla Magazzino Gallery, Palazzo Contarini-Polignac a due passi dall’Accademia, introducendo ed estroducendo i nostri discorsi con immersioni molto concrete nei suoni, nei movimenti e nelle fotografie e rielaborazioni originali del francese Jean Timsit, le cui opere sono qui esposte.

Grazie di cuore a Roberta Semeraro, Jean Timsit e Davide Federici per l’invito a partecipare a questa interessante iniziativa,
occasione molto gradita per poter condividere esperienze e parole sulle cose cui tengo di più!

I posti sono limitatissimi, le norme Covid rispettate, è necessaria la prenotazione: 041 5232939.

Qui trovate il comunicato stampa dell’evento.

Abbracci, roberta